Atypical

Il magico mondo dell’autismo.
La normalità è sopravvalutata:  questo l’assunto di Atypical.

Sam, Keir Gilchrist, ha 18 anni ed è affetto da una forma di autismo ad alto funzionamento. Su questo ragazzo, perfettamente integrato a scuola e in famiglia, Atypical concentra la sua attenzione.  Possiede un’intelligenza analitica, le sue grandi passioni sono l’Antartide e i pinguini. Sam vorrebbe tanto trovare una fidanzata ma non sa come fare, come corteggiare una ragazza e come capire se è innamorato o no.

atypical2_istantv2

Zahid, (Nik Dodani), il suo amico del cuore, cerca di indirizzarlo. Vuole veramente bene a Sam, è un ottimo amico, ma da adolescente goffamente iper sessualizzato quale è, talvolta lo confonde. Questo crea indubbiamente toni da commedia. Anche perché Sam è incapace di fingere, dice sempre quello che pensa.

Di una cosa siamo certi: Atipycal è un family in equilibrio tra la commedy e il drama. Il comportamento di Sam suscita spesso ilarità, il grave disturbo dello spettro autistico viene così presentato con leggerezza. Questo non significa che l’argomento sia trattato con superficialità. Il continuo riferimento alla vita dei pinguini, animali monogami e fedeli tutta la vita ai propri compagni , assume, a volte, toni poetici. Rappresenta lo sforzo di Sam di adeguarsi alla realtà senza l’aiuto fondamentale che deriva dalle emozioni e dall’empatia.

Atypical4_istantv4

La famiglia di Sam
Per quanto si parli di autismo, in Atypical non si parla solo di questo. C’è una famiglia ripresa nella sua quotidianità con problemi che non sempre s’incentrano su Sam.

La madre Elsa (Jennifer Jason Leigh), è una donna iperprotettiva che a un tratto crolla e si rifugia in una relazione extraconiugale senza futuro. Il padre Doug (Michael Rapaport), un paramedico che  ha abbandonato la famiglia perché incapace di affrontare l’autismo del figlio ma che poi è riuscito a farsi perdonare dalla moglie. Ignora quanto sia stata dura per Elsa quando lui l’ha abbandonata.

Poi c’è Casey, (Brigette Lundy-Paine) la sorella maggiore di Sam.  Lei è sicuramente il personaggio più bello di Atypical. Protettiva con il fratello, lacerata interiormente tra il desiderio di proteggere Sam e la ricerca di autonomia, è una campionessa sportiva. Corre, perché in fondo vorrebbe liberarsi da tante responsabilità.

atypical_5_istantv5

Un adolescente atipico, ma pur sempre un adolescente

Sebbene sia considerata una serie minore, Atypical piace molto agli adolescenti. Questo non sorprende, sebbene non possiamo in alcun modo parlare di capolavoro stilistico né di profondità tematiche.

Nella goffaggine di Sam gli adolescenti ci si riconoscono eccome. E’ vero, il ragazzo soffre di una particolare forma di autismo, ma la sue paure, i suoi disagi sono quelli tipici dell’adolescenza. Soprattutto per quanto riguarda i primi approcci amorosi. Si sogna l’amore eterno ma, allo stesso tempo, si deve gestire un corpo in piena tempesta ormonale. Si cercano regole, ma le regole non aiutano a quell’età se non se ne capisce il senso. L’autorità di genitori e insegnanti può apparire odiosa e limitante, ma allo stesso tempo ci si sente fragili. L’elenco potrebbe continuare all’infinito.
Atypical, scritta da Robia Rashid è una produzione originale di Netflix.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *