BONES 9

BONES 9

LUI, LEI, L’ALTRO: BONES NON SMETTE MAI DI STUPIRE

Il finale dell’ottava stagione di Bones non è stato esattamente dei più idilliaci. Per chi non lo sapesse, l’antropologa forense più famosa della tv, riuscita a superare l’avversione per il matrimonio – non esattamente la cosa più banale del mondo per lei -, donna iper-razionale e già sposata alla scienza, fatta la fatidica proposta di matrimonio a Seeley Booth – era ora aggiungono i fan della serie! – vede il suo sogno sfumare.

Pelant, il serial-killer che tormenta la squadra del Jeffersonian ormai dalla settima stagione costringe Booth a rompere il fidanzamento con Temperance, in quanto essendo per l’appunto un pazzo serial killer, nella sua psiche malata non può contemplare che i due possano avere un lieto fine, impendendo inoltre a Booth di farne parola con la sua amata minacciando di uccidere cinque persone a caso se ciò fosse accaduto. Una vera e propria tortura che lascia tutti un po’ senza parole! Questo è il finale dell’ottava stagione, mentre la nona, andata in onda su Fox, il canale delle anteprime, è in onda dal 1 ottobre su Top Crime con due episodi a partire dalle 21.
Temperance Brennan, è il nome completo della protagonista della serie tv Bones, “Ossa” appunto, che è anche il soprannome che le è stato dato Seeley Booth dell’FBI, suo partner in collaborazione. L’incontro con Booth smusserà un po’ gli angoli affilati dell personalità dell’antropologa, la stessa personalità che rende così speciale il suo personaggio, il creatore della serie, Hart Hanson, avrebbe infatti ammesso di essersi ispirato per il personaggio di Temperance ad un suo amico affetto dalla Sindrome di Asperger, un tipo di autismo non molto noto che rende le persone che ne sono affette un po’ fuori dall’ordinario.
Perché ha successo questa serie? Semplice, è la storia di un’antropologa forense molto chiusa e riservata, dedita interamente al suo lavoro, una persona di successo e di rinomata fama mondiale che nel corso della serie si ritrovata a lavorare a stretto contatto con l’agente dell’FBI Seeley Booth, suo partner per la risoluzione dei casi di omicidio più difficili. Brennan e Booth sono gli esatti opposti, o meglio ancora sono gli antipodi, lei atea, lui cristiano-cattolico, lei dedita interamente alla scienza, conta solo ciò che può essere dimostrato empiricamente, lui ha fatto il chierichetto da bambino e all’inizio della serie rimane sconvolto dalla totale mancanza di empatia e dall’approccio materialista e distaccato della Brennan e della sua squadra di esperti. I battibecchi non sono mancati!temperance e booth 1
Booth potrebbe essere il cavaliere dell’epoca moderna che salva la principessa, Temperance in questo caso, le scalda il cuore e l’anima, anche se lei probabilmente a questo punto avrebbe da ridire, perché non esiste nulla che dimostri che l’essere umano fatto di atomi che compongono le cellule dei tessuti etc etc possa avere un’anima, non esiste una dimostrazione empirica! Fatto sta che non passa inosservata la graduale trasformazione che subisce il suo personaggio, tanto che si innamorerà di Booth e i due avranno anche una figlia di nome Christine.
Questa serie a noi piace perché non parla solo di “ossa”, non banalizza la morte e ciò che rimane dopo di essa, c’è tutta una narrazione che dal ritrovamento di resti umani si articola in una serie di elementi che portano i protagonisti a ricreare la vita di quella persona i cui poveri resti giacciono su un tavolo settorio. Temperance, nonostante il suo ostentato materialismo, è come se parlasse con quelle ossa, le esamina, le guarda, osserva le scanalature, i difetti, ogni minima scheggiatura, lei ci piace perché da una mandibola estrapola sesso, età, razza e stato di salute al momento della morte. Non è proprio la ragazza della porta accanto, uscireste probabilmente con le “ossa rotte” da una conversazione con lei, anche se gli occhioni blu e la dolce codina di cavallo potrebbero trarre in inganno. Al suo servizio troviamo un team di esperti unico, dall’entomologo, botanico e minerologo che può stimare il momento della morte sulla base delle larve che si sviluppano nel corpo del deceduto, alla specialista nella ricostruzione facciale forense, e questi sono solo due, nel mezzo ci sono molti altri esperti che affiancano la Brennan.
Insomma il finale dell’ottava stagione porterà di certo delle conseguenze, che forse metteranno a dura prova una delle coppie preferite del piccolo schermo, ma non abbiamo nulla da temere dato che la serie è stata rinnovata anche per l’undicesima stagione, dunque i colpi di scena non mancheranno.

Martina Mei

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *