CHE DIO CI AIUTI 3 I

CHE DIO CI AIUTI 3

IL LATO UMANO DELLA FEDE

Con un sogno premonitore, si apre la serie più seguita della Rai, come dimostrano gli indici di ascolto della prima puntata. Il sogno diventa il bandolo di una matassa narrativa piuttosto ingarbugliata, nella terza edizione della fiction del “Convento degli Angeli”.Sr Angela e Sr Costanza si trovano impegnate, ancora una volta, a gestire e risolvere i problemi delle loro ragazze e anche di se stesse.

Alla gravidanza di Margherita, i capricci di Azzurra, lo sconforto di Nina si aggiunge la freddezza di Rosa, sorellastra inconsapevole di Azzurra, decisa a vendicare la sua infanzia triste e sfortunata. Ma le novità sono tante: l’ambientazione in una città diversa, che diventa la

scelta di inserire nuovi personaggi; ma anche gli intrecci narrativi che si sovrappongono l’un l’altro, a creare quell’attimo di suspence che fa sempre il suo effetto. Sr Angela diventa professoressa in un liceo, continua ad essere sempre la suora gentile e generosa, cui le si deve riconoscere un certo lato umano non indifferente.

È la suora che risolve tutti i problemi, la madre di tutte le mamme, ma soprattutto una donna. La si vede svestita dei suoi abiti quando in camera dialoga con Cristo, quando ritarda agli appuntamenti, quando sbaglia e chiede perdono, quando si mette in discussione. È il suo modo di fare a volte un po’ goffo, a volte un po’ grottesco che la ritrae nel compito più delicato che ci sia: accogliere le anime perse per infondere in loro la speranza e la libertà. Lo fa con Rosa come con un animale ferito, anche quando la si vede sbagliare e volare verso orizzonti pericolosi; lo si vede nel rapporto tra Azzurra e Guido quando difende l’innocenza del bambino e il loro amore perduto. La suora, fuori dai canoni, che spesso si coglie coi capelli scompigliati attira il pubblico per la sua naturalezza, per la sua semplicità, mantenendo i toni della carità cristiana unitamente a una realtà che si confonde, è vero, con la finzione ma poi nemmeno tanto. 

Che Dio ci aiuti è dunque un programma che forse qualcosa la può sempre insegnare…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *