Cosa vedremo prossimamente: fiction e serie tv del palinsesto televisivo

Con l’arrivo di settembre, riprendono le fiction della televisione generalista.
Le nuove stagioni di prodotti a cui il pubblico si è affezionato in vari modi, verranno affiancate dal fiorire di serie tv di nuova produzione. Vediamo nel dettaglio cosa ci aspetta.

Cosa offre la Rai

Sulla rete ammiraglia, ritorna Alessandro Gassman ne “I bastardi di Pizzofalcone”, un poliziesco che ha avuto grandi ascolti nella serie precedente. Sempre del genere, Claudio Amendola sarà il protagonista di “Nero a metà” con la regia di Marco Pontecorvo. Un ispettore romano affiancato ad un collega africano di cittadinanza italiana. Un tema attuale sull’accettazione dell’altro e i grandi temi sull’inclusione sociale.
Tra i romanzi popolari, vedremo la storia di una famiglia siciliana emigrata in America negli anni della crisi economica del ’29, “La vita promessa” sotto la regia di Ricky Tognazzi e con Luisa Ranieri la cui scelta, già dal trailer in onda in questi giorni, appare davvero riuscita.
Tra le commedie, ritorna Gigi Proietti e la sua redazione giornalistica in “Una pallottola nel cuore”, giunto ormai alla sua terza stagione, così come Vanessa Incontrada alle prese con Lino Guanciale in “Non dirlo al mio capo 2”.

Il panorama serale di Rai Uno sembra così impegnato al punto che “Il paradiso delle signore” verrà trasmesso in fascia pomeridiana. Chissà cosa ne penserà il pubblico di questo spostamento nel palinsesto.
Infine, per quanto riguarda le serie-evento, vedremo la nuova stagione de “I Medici” soffermandosi in particolar modo sulla figura di Lorenzo il Magnifico, e “L’amica geniale” tratto dal best seller di Elena Ferrante, diretto da Saverio Costanzo, che narra la storia dell’amicizia tra due amiche e del periodo storico-sociale della Napoli anni ’50.
Dovremo aspettare la primavera per vedere le nuove puntate di “Che Dio ci aiuti 5” -accontentiamoci delle repliche pomeridiane ora – così come quelle di “Un passo dal cielo 5” con Daniele Liotti, e “L’allieva” con Alessandra Mastronardi.  Fiction evergreen.

In primavera troveremo anche la nuova fiction di Ivan Cotroneo “La compagnia del cigno” con Alessio Boni, Giovanna Mezzogiorno, Carlotta Natoli che racconta le vicende di un gruppo di allievi del Conservatorio “Giuseppe Verdi” di Milano, e quella di Marco Risi “L’Aquila – Grandi speranze”, con Donatella Finocchiaro, Giorgio Tirabassi, Luca Barbareschi: adolescenti diventati improvvisamente e necessariamente grandi dopo il terremoto de L’Aquila, cercano di riappropriarsi di un territorio che sia soprattutto loro, cercando in questo modo una nuova identità. I giovani aquilani diventano quindi portatori delle grandi speranze di cui parla il titolo. Più una docu-fiction che un telefilm come gli altri.
Infine, torna sugli schermi “Il nome della rosa”, questa volta diretto da Giacomo Battiato e con John Turturro, Rupert Everett e Fabrizio Bentivoglio.

Lo scenario di Rai Due vede il ritorno di Marco Giallini in “Rocco Schiavone” e di Giampaolo Morelli in “L’Ispettore Coliandro”, mentre in primavera ancora Lino Guanciale e Gabriella Pession in “La porta rossa” nella nuova stagione. Di nota, l’esordio in chiaro di “Suburra – la serie”, ora visibile sulla piattaforma Netflix. Diretto da Michele Placido, con Claudia Gerini nel cast della serie.

Sugli schermi di Rai Tre, invece, Antonio Albanese sarà protagonista della serie comica “I topi” che prevede sei episodi di 25 minuti. Scritto e diretto dallo stesso protagonista con Tony Sperandeo, racconta in chiave comica la condizione dei latitanti mafiosi e del loro vivere nascosti da tutto e tutti.

 

E su Mediaset?

Nelle reti Mediaset, il panorama autunnale prevede su Canale 5 il ritorno di “Solo 2” con Marco Boccia e diretto questa volta da Stefano Mordini; “L’isola di Pietro 2” con Gianni Morandi con la regia di Giulio Manfredonia; “Ultimo 5 – Zero Zero Zero” con Raoul Bova, sull’ultimo romanzo di Roberto Saviano.
Nuovi arrivi in primavera con “Lontano da te” una romantic comedy con Megan Montaner e Alessandro Tiberi (il Carlo di “Tutto può succedere”): una storia d’amore tra un ‘principe’ stanco della ricchezza della sua famiglia borghese e una cenerentola dei nostri tempi che vorrebbe invece un po’ più di stabilità nella sua vita.

Con le riprese ancora da finire, vi sono in cantiere ben quattro fiction: “Il silenzio dell’acqua” con Ambra Angiolini e Giorgio Pasotti, “Dottoressa Giò” con Barbara D’Urso, “Rosy Abate 2” con Giulia Michelini e “Non mentire” con Alessandro Preziosi per la regia di Gianluca Maria Tavarelli (de Il giovane Montalbano, Borsellino, Maria Montessori, Il commissario Maltese), che racconta la storia di un presunto stupro tra un’insegnante di liceo e uno stimato chirurgo e padre di uno dei suoi studenti.

Buona visione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *