GINNASTE- VITE PARALLELE

GINNASTE – VITE PARALLELE 4

IMPEGNO, EFFICIENZA E… DESIDERIO DI NORMALITA’

Trasmessa a partire da lunedì 16 marzo, la quarta stagione di questo popolare docu reality italiano è incentrata sulle vicende di sei ginnaste (Francesca De Agostini, Elisa Meneghini, Alessia Praz, Elisabetta Preziosa, Enus Mariani e Sophia Campana), adolescenti di età compresa tra i 14 e i 20 anni impegnate in allenamenti durissimi in vista di tre appuntamenti importanti: i Mondiali di atletica in Cina dell’ottobre 2014,  il Campionato di Serie A del febbraio scorso e le Olimpiadi di Rio del 2016. Non manca anche quest’anno la controparte maschile costituita dagli atleti Nicola Bartolini, Marco

Sarrugerio, Ludovico Edalli e Andrea Cingolani. Questi giovani talenti della ginnastica artistica si ritrovano presso l’Accademia di ginnastica Guglielmetti di Milano; la loro vita e scandita da lunghi e faticosi allenamenti e dalla difficoltà di conciliare l’attività sportiva con gli impegni scolastici, il divertimento e le relazioni familiari. Ogni puntata illustra l’esistenza delle ragazze e ne esalta gli aspetti emotivi, la tensione e l’ansia che precede ogni competizione. Una vita complessa e movimentata, dunque, dominata da un tempo che impone loro ritmi estenuanti e pochi attimi di riposo e distensione. Nei rari momenti di relax questi adolescenti si ritrovano nei loro residence, non lontano dalla palestra, per riappropriarsi di un tempo da dedicare a loro stessi e alla condivisione di interessi. Ma il pensiero dei protagonisti torna sempre al luogo degli allenamenti, nell’imminenza di una competizione vissuta come un’avventura imprevedibile e incerta. Gli autori hanno scelto di focalizzare la loro attenzione sull’aspetto emotivo degli atleti per sottolineare come l’impegno estenuante e la costanza presuppongano un’inevitabile fuga dalla normalità. Ecco allora che affiora la paura di perdere la concentrazione e di deludere l’allenatore, le compagne e il pubblico. Se da un lato infatti la condivisione di esperienze e vissuti rispecchiaGinnaste vite parallele logo le insicurezze e le curiosità proprie dell’adolescenza, dall’altro il timore di una sconfitta, di commettere un errore e di restare infortunati condiziona in ogni istante la vita delle protagoniste. Il tortuoso e rigido cammino di preparazione impedisce agli atleti di  frequentare assiduamente la scuola, comprimendo le opportunità di scambio e crescita a livello culturale. La tensione emotiva è acuita ulteriormente dal clima di competizione che si respira durante gli allenamenti. Tuttavia la gratificazione che segue ad una vittoria compensa adeguatamente le ginnaste del sudore versato. Ginnaste Vite Parallele ha l’indubbio merito di mostrare quanto l’impegno, l’ostinazione e il sacrificio siano necessari per raggiungere degli obbiettivi e coronare dei sogni: la durezza della vita atletica infatti è ben documentata, come anche le complesse dinamiche psicologiche e la tenacia che una tale scelta comporta. D’altra parte emerge come l’intenso agonismo e la ricerca di un’efficienza maniacale rubino molto tempo ad una adolescenza intesa anche come occasione di formazione umana e intellettuale. Ne risulta un reality interessante per il tema trattato, ma alla lunga ripetitivo e incapace di declinare la crescita come ricerca di armonia tra corpo e mente.

Rete: MTV

Ideatori: Carlo Altinier, Stefania Colletta, Antonella Vincenzi

In onda dal lunedì al venerdì alle 16.00

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *