Inchiesta di Sky Tg 24 sulle case famiglia

Inchiesta di Sky Tg 24 sulle case famiglia

I bambini ci guardano …. guandano il nostro silenzio …. l’assenza di umanità

Nel panorama dell’informazione televisiva italiana, un’ottima posizione se l’è costruita Sky, che con la testata Sky TG24, non solo fornisce aggiornamenti continui e puntuali sui fatti dall’Italia e dal mondo (con uno stile al quale si sono ispirati anche da Rai e Mediaset), ma presenta interessanti approfondimenti politici, economici e sociali.

E’ il caso di “Vice”, trasmissione che si occupa di tematiche di attualità evidenziando e denunciando contraddizioni e carenze, spesso ignorate nel “sistema Italia”.
La puntata del 17 febbraio, ci ha presentato, tra i vari soggetti, un’inchiesta sul sistema degli affidi. In Italia sono quasi 30 mila i minori affidati alle strutture di accoglienza (le cosiddette “case famiglia”). Bambini e adolescenti separati dalle loro famiglie di origine su decisione del Tribunale dei Minori, in base a situazioni – reali o presunte – di disagio educativo o economico (a volte denunciate senza avere un quadro completo della realtà). In alcuni casi i minori vivono separati per molti anni dalle proprie famiglie, che ritrovano dopo l’adolescenza o con la maggiore età, in altri vengono dati in adozione (sebbene non siano orfani) e il meccanismo che governa queste scelte non appare sempre limpido, né tiene conto dei traumi che possono essere causati agli interessati.
L’affidamento viene deciso con criteri che sono a volte discutibili e difficili da accettare per le stesse famiglie. Emerge così un un intreccio di speculazioni e potenziali conflitti di interesse che i reporter di Vice delineano con chiarezza e sobrietà sulla base della storia di tre famiglie, delle testimonianze di educatori ed opertori, delle denunce di magistrati e legali.
Una mamma di Genova denuncia come la sua richiesta di aiuto ai servizi sociali abbia avuto come effetto l’allontanamento del figlio. Un padre di Torino racconta come sua figlia sia stata tenuta per quasi dieci anni in una casa famiglia senza una ragione fondata. Una ragazza, Laura, uscita dalla comunità e tornata dai genitori è tuttora separata da suo figlio Luca, allontanato quando aveva pochi mesi.
Il quadro che emerge fa pensare. A parte i fenomeni di “corruzione spicciola” nella gestione delle strutture che ospitano i minori, ormai tipici di tutti i settori in cui vengono maneggiati soldi pubblici (villane ruberie che purtroppo non suscitano più indignazione, ma piuttosto rassegnazione), ci si chiede, guardando alle tematiche che dominano la scena politica, se non sia drammaticamente più urgente, rispetto ad altri argomenti, analizzare seriamente questa situazione e rivedere criteri e “modus operandi” per aiutare le famiglie ad essere e restare unite, con un sostegno economico ed educativo adeguato.
Ne “I bambini ci guardano” Vittorio de Sica metteva in scena nel 1943 una situazione di disgregazione familiare che travolge anche un bambino …. Più di 70 anni dopo per alcuni nulla sembra essere cambiato …. Sarebbe opportuno rifletterci seriamente.
Ci auguriamo che Vice possa continuare a seguire questo argomento e a denunciarne altri con l’ottima professionalità dimostrata nel fare informazione.

Vice
Lunedì 21:10 – Sky TG24

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *