LA REGOLA DEL TRADIMENTO |NON DIRLO AL MIO CAPO 2

Io, lui e l’altra. Nello studio legale Vinci subentra Nina, ex moglie di Enrico con cui i sentimenti in fondo non sono ancora passati. Vi è tanta rabbia per il tradimento subìto, ma Enrico capisce che non può fare a meno di lei in quanto eccellente matrimonialista.
Lisa non sembra essere turbata da questa presenza, sente di essere avvantaggiata per via del recente flirt con il suo capo, ma Nina non tarderà a scoprire l’identità della sua rivale.

Il ritorno di Rocco

Intanto a casa di Nina è tornato Rocco il compagno di Perla (all’anagrafe Assuntina) che deve scontare i domiciliari per truffa. Le sue carte di credito sono state bloccate e Perla deve trovarsi un lavoro. Viene assunta, come segretaria, proprio nello studio legale dove lavora Lisa e dove è stato preso un altro avvocato che per il momento svolge mansioni di praticante. Un uomo sprezzante, coraggioso e cinico così vicino ad Enrico.

E mentre Lisa si divide tra lavoro (è socia dello studio) e la famiglia, continua a inventare bugie per raggiungere lo scopo: in ritardo per sostenere il suo esame da avvocato, viene richiamata a casa per un incidente occorso alla sua sorellastra che era venuta a trovarla. L’esame salta ma ad Enrico dichiara di averlo passato.

Segreti e bugie

Quello di dire bugie è però evidentemente un difetto di famiglia: Lisa scopre che la sorellastra Aurora ha mentito sul motivo del suo arrivo a Napoli e che suo padre è seriamente preoccupato. Aurora soffre infatti di un disturbo della personalità e deve tornare a casa da lui. Ma la ragazza non perde tempo e comincia a flirtare con Romeo, il ragazzo di Mia, la figlia di Lisa, che però non sospetta nulla di un possibile tradimento. Perla ha capito tutto e cerca di dissuadere Aurora dal continuare con Romeo; la ragazza però è fragile e tenta il suicidio.

Il ritorno della fiction di Giulio Manfredonia ha avuto un buon indice di ascolto alla sua prima puntata (22,4% di share) complice il fatto di ritrovarsi sugli schermi alcuni tra i protagonisti di programmi andati in replica questa estate. Lino Guanciale riveste i panni di avvocato così come lo aveva fatto in “Che Dio ci aiuti”, accanto a Gian Marco Saurino che fu legale di suor Angela prima di approdare allo Studio Vinci, infine Christian Monaldi già ospite del convento e ora figlio di Lisa. In prestito ad un’altra fiction (Don Matteo), Sara Zanier che ora impersona Nina la matrimonialista ed ex di Enrico Vinci. E ancora, Beatrice Vendramin (star di Alex & Co.) che veste i panni della sorellastra di Lisa. Altre new entry vi saranno nelle prossime puntate (Aurora Ruffino di Braccialetti Rossi solo per citarne qualcuna).

Eppure non è bastato questo a rendere l’inizio di stagione entusiasmante, a nostro avviso. Alla base della storia vi sono solo triangolazioni amorose, conflitti coniugali, tradimento e una pervasività dell’atteggiamento menzognero sia da parte dei ragazzi che degli adulti. Niente di nuovo s’è mosso all’orizzonte. La storia della seconda stagione è rimasta ferma all’infatuazione di Lisa per Enrico, alla sua insicurezza psicologica, alla difficoltà di gestire le vite dei figli e a quella di vivere il suo lavoro così com’è. Intorno, solo maschere di giovani e adulti alla ricerca di un proprio sé.

 

NON DIRLO AL MIO CAPO 2

in onda su Rai Uno il giovedì alle 21.15

Con Lino Guanciale, Vanessa Incontrada, Chiara Francini, Ludovica Coscione, Gianmarco Saurino, Christian Monaldi, Aurora Ruffino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *