THE KNICK

THE KNICK

IL DRAMMA DI UN GENIO NICHILISTA

Dopo l’inaspettato suicidio del suo mentore, il dottor John Thackery diventa primario di chirurgia del Knickerbocker Hospital di New York. Siamo nell’anno 1900. Nonostante la sua opposizione, la figlia del principale finanziatore dell’ospedale, Cornelia Robertson, fa assumere nell’equipe di chirurgia il medico di colore Algernon Edwards, figlio della domestica di famiglia e i cui studi sono stati pagati da suo padre, ricco finanziere. Geniale medico di fama che opera con tecniche innovative, Thackery ha una penosa dipendenza dalla cocaina che rischia di distruggerlo come uomo e come scienziato. Il prodotto eccelle da ogni punto di vista, un genere medical che è anche un period drama nel quale la ricostruzione storica è affidata a dei professionisti di talento. La recitazione del protagonista, e non solo, è straordinaria. Per questa ragione si può affermare che The Knick sembra un prodotto da cinema non da televisione. Le scioccanti scene

dei corpi sventrati nel corso delle operazioni chirurgiche danno voce all’angoscia del protagonista che scaturisce dall’impatto di un grande genio che deve confrontarsi con le limitate tecnologie mediche del tempo. Il contatto quotidiano con la morte inevitabile, la sofferenza degli innocenti, dei bambini, portano il personaggio a sprofondare in una sorta di selvaggio e disperato nichilismo. Thackery è un eroe che non riuscendo a trovare un senso al dolore, finisce col negare Dio dopo averlo maledetto per i crimini che, nel caso in cui esistesse, commetterebbe uccidendo bambini e accanendosi contro i poveri (puntata 8). Si parla di un paragone tra Thackery e il dottor House, un accostamento che personalmente trovo non inaccettabile ma riduttivo perché tra i due c’è una differenza importante: House è dipendente dagli antidolorifici principalmente per un handicap fisico che gli impedisce di vivere come gli altri, Thackery usa la cocaina per soffocare la sua disperata visione dell’esistenza. Personaggi meschini e sinistri animano la scena spesso corale di questa serie, approfittatori come Barrow, delinquenti spietati che cercano di guadagnare denaro intorno al business dell’ospedale, donne filantrope come Cornelia, che dopo aver spinto Algernon, il medico di colore, ad intrecciare una relazione con lei, abortisce e sposa un ricco pretendente, suor Harriet che pratica aborti guadagnando denaro per aiutare le donne più povere della città, ma che non si tira indietro di fronte la richiesta della ricca Cornelia che non vuole rinunciare al suo status privilegiato mettendo al mondo un mulatto. L’ospedale si alterna ai bui bordelli cinesi della città dove l’oppio si consuma in quantità smisurate. Personaggi più umani sembrano essere l’infermiera Elkins, che si adopera per aiutare Thackery a disintossicarsi, e il medico di colore dottor Algernon.

Con Clive Owen, Andrè Holland, Juliet Rylance, Eve Hewson

Regia di Steven Soderbergh

In onda su Sky Atlantic, il sabato alle 21,10

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *