ANALISI E CRITICA TELEVISIVA AD ALTA DEFINIZIONE

L'ISOLA DI PIETRO

LEGAMI DI SANGUE, VINCOLI D'AMORE

 

A seguito di un incendio in una vecchia tonnara, dove si svolgeva una festa, il vice questore di Milano Elena Sereni torna a Carloforte, in Sardegna, per sincerarsi che suo padre, il pediatra dell’isola, stia bene dopo aver salvato le vite ad alcuni ragazzi.

Elena manca dal paese da ben quindici anni, da quando ha partorito una bimba che le fu tolta appena nata, perché press’a poco adolescente. Caterina, la figlia, fu poi adottata in gran segreto dall’infermiera che l’aiutò a partorire: fu un tacito accordo. Lei non poteva avere figli e la bambina di Elena faceva proprio al caso suo.

 

lisola_di_pietro.jpg

Ma ora Caterina è incinta, è vittima di bullismo ed è coinvolta in qualche modo nell’incendio doloso alla tonnara. Il vaso di Pandora si apre a tristi realtà che emergono violente: Elena rivede sua figlia ma al dolore lacerante per quella separazione mai superata sopraggiunge la preoccupazione silente della sua scomparsa.


Informato il padre del suo bambino, un ragazzo presente alla festa ma estraneo alla trama dei suoi coetanei bulli, Caterina vuole andare in un centro per abortire, dopo aver prosciugato la carta di credito del ragazzo. È una ragazzina disperata per tutto quello che le sta accadendo e vorrebbe solo sparire. La madre adottiva è una donna rigida, apparentemente affettuosa nei confronti della figlia, ma preoccupata che la verità venga a galla. Elena invece vuole solo ritrovare Caterina, non se lo perdonerebbe mai.

l-isola-di-pietro.jpg

Insieme ad Alessandro, un suo vecchio amore mal corrisposto che ora fa il vice questore e segue le indagini, ripercorre un passato presumibilmente segnato da una violenza sessuale ad opera di Samuele, fratello del poliziotto, e forse padre di Caterina. Così, sebbene fosse in partenza per Londra dove avrebbe dovuto prendere servizio all’Interpol e convivere con il suo compagno, un noto psicologo criminologo, è costretta a restare sull’isola col padre a risolvere il caso.

 

È forte l’analogia con la recente serie “Sorelle” in cui l’avvocato impersonato da Anna Valle è costretta a tornare nel paesino per risolvere un caso di famiglia spinoso e a restarvi fino alla sua elaborazione; come in quella serie, è sempre il rapporto genitori e figli che viene messo in luce e sviscerato. Ma, in questo caso, lo si fa con maggiore equilibrio.


Elena dunque non più partire. Scavare nella vita di sua figlia come se fosse una testimone qualunque non è certo facile. Ma la tenacia, propria di una madre, la porta sulla strada giusta. Non sa dove sia andata, ma conosce i passi che sono stati necessari per percorrerla. Anche lei, tempo fa scappò dall’isola, e questo è un dettaglio che le rende ancora più unite.

isola_di_pietro.jpg

Quando finalmente rintracciano Caterina e la portano a casa, con una scusa lei si lancia in una corsa estenuante che la porta fin sopra il ciglio di un cavalcavia: vuole suicidarsi. E lì, appena dietro le spalle della ragazza, Elena confessa a se stessa prima ancora che a lei e al padre presente, tutto il suo dolore: la sua gravidanza nascosta, la nascita di una bambina mai più tenuta, la morte di una madre. E mentre le sue parole scorrono come un fiume in piena, Pietro viene pervaso da un’onda di stupore misto a umiliazione per non aver colto la fragilità di sua figlia. Lui, così preso dal lavoro anche dopo la morte della moglie, sempre dietro ai figli degli altri da non accorgersi della sua.


La prima puntata di questa promettente serie si chiude così, lasciando tutti col fiato sospeso sul destino della giovane Caterina sola e indifesa in un mondo di prepotenti e di vigliacchi.

L’ISOLA DI PIETRO
Regia di Umberto Carteni
Co-produzione RTI e Lux Vide
Con Gianni Morandi, Cecilia Dazzi, Clotilde Sabatino, Ninni Bruschetta, Cesare Bocci, Chiara Baschetti, Alma Noce.
In onda dal 24 settembre, la domenica alle 21.10 su Canale 5

e-max.it: your social media marketing partner

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

 

Recensioni

on demand

 
Facebook
Facebook
Twitter
Twitter
Vai all'inizio della pagina

Questo Sito Web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Con riferimento al provvedimento “Individuazione delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie – 8 maggio 2014” (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014), si descrivono in maniera specifica e analitica le caratteristiche e le finalità dei cookie installati su questo sito indicando anche le modalità per selezionare/deselezionare i singoli cookie.

Il sito WEB istantv.it in seguito denominato solamente "Sito" - utilizza i cookies per offrire i propri servizi semplici e efficienti agli Utenti durante la consultazione delle sue pagine.

L'informativa è valida solo per il suddetto Sito ed ai correlati suoi domini di secondo e terzo livello e non per eventuali altri siti consultabili tramite link.

Facendo uso di questo Sito si acconsente il nostro utilizzo di cookie in conformità con la presente Cookie Policy.

Se non si acconsente al nostro utilizzo di cookie, occorre impostare il proprio browser in modo appropriato oppure non usare il presente sito o gli eventuali domini di secondo e terzo livello corrispondenti. Se si decide di disabilitare i cookie che impieghiamo potrebbe essere influenzata l’esperienza dell’utente mentre naviga sul nostro Sito.