ANALISI E CRITICA TELEVISIVA AD ALTA DEFINIZIONE

ORPHAN BLACK

LA RICERCA DELLA PROPRIA UNICITA'

di Daniela Delfini

orphan_black_2.jpg

 

Sarah ha molti problemi, è orfana, ha una figlia piccola che ha dovuto dare in affidamento, un fidanzato violento che spaccia droga.

La sua vita è precaria, fatta di espedienti, bassifondi, incertezza del futuro. Un giorno assiste ad un incidente, una giovane donna muore sui binari della metropolitana, c’è lì la sua borsa abbandonata sul marciapiede; per Sarah l’occasione di sottrarre qualche banconota a chi, tanto, non ne avrà più bisogno.


Fruga nel portafogli, trova i documenti della ragazza morta, guarda la sua foto e rimane incredula: è uguale al lei, stesso viso, stessa età. Sarah pensa ad uno scherzo del destino e insieme ad un colpo di fortuna, un’opportunità per tirarsi fuori dai guai una volta per sempre. Assume l’identità della sua sosia, si appropria della sua vita, della sua casa, del suo lavoro, del suo fidanzato, ma solo per scoprire che i guai non sono finiti, anzi sono molto più grossi di prima. Scopre che la ragazza morta nella metropolitana non è l’unica ad avere le sue sembianze, ce ne sono altre, cloni frutto di misteriosi esperimenti genetici, che ora qualcuno sta cercando di eliminare.

orphan_4.jpg

 

E’ l’inizio di un’avventura avvincente e piena di tensione, Sarah si trova invischiata in una vicenda complicatissima alla ricerca delle proprie origini, della propria identità, della soluzione di un enigma dai contorni sempre più inquietanti. La serie si muove tra i generi della science fiction e del thriller con originalità, ritmo, buona regia e con la strepitosa prova d’attrice di Tatiana Maslany che interpreta oltre alla protagonista, tutti gli altri cloni, caratterizzando ciascun personaggio in modo davvero magistrale.

orphan_black.jpg

Ma i motivi d’interesse si concentrano soprattutto sulla storia. Le frontiere pericolose della genetica, il rapporto fra etica e scienza, le aberrazioni di una sperimentazione fuori controllo sono alcuni dei temi che emergono con forza. Gli autori guardano con occhio critico all’uomo post-umano che pensa di essere il padrone del proprio corpo e di quello degli altri e lo vuole modificare, implementare, snaturare secondo il proprio capriccio o il proprio tornaconto. In un contesto quasi cyberpunk, tra chi si fa innestare una coda e chi un occhio bionico, la protagonista è costretta ad interrogarsi sulla sua stessa umanità, a farsi delle domande sulla propria natura, sulla propria unicità: chi sono davvero? Qual è lo scopo per cui mi hanno fatto nascere? Cosa distingue me dalle altre, identiche a me? Che cosa mi rende quello che sono?

orphan_black_3.jpg

Nel dipanarsi della storia Sarah dimostra nei fatti la sua profonda umanità, lei è diversa da tutte le altre. Ne condivide l’aspetto, i geni, addirittura le impronte digitali, eppure è unica. E’ unica per come affronta le difficoltà, per la sua forza, per la sua determinazione, per i suoi slanci generosi, per le sue fragilità, per la sua capacità di amare. E’ il cuore che ci rende unici, non il corpo. Sono le esperienze di vita, le scelte, gli incontri che fanno una persona, i geni contano poco, forse niente.

Per questo ogni pretesa eugenetica di selezione o miglioramento della razza umana è una pericolosa follia, come è pericolosa follia pensare ad una umanità ibridata, senza limiti e senza volto. Un uomo non è un uomo senza la sua individualità.

GENERE : science fiction / thriller – serie TV (10 x 50’)
AUTORI : Graeme Manson e John Fawcett
ATTORI PRINCIPALI : Tatiana Maslany, Dylan Bruce, Jordan Gavaris
PRODUZIONE : Temple Street Production e Bell Media per BBC America

e-max.it: your social media marketing partner

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

 

Recensioni

on demand

 
Facebook
Facebook
Twitter
Twitter
Vai all'inizio della pagina

Questo Sito Web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Con riferimento al provvedimento “Individuazione delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie – 8 maggio 2014” (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014), si descrivono in maniera specifica e analitica le caratteristiche e le finalità dei cookie installati su questo sito indicando anche le modalità per selezionare/deselezionare i singoli cookie.

Il sito WEB istantv.it in seguito denominato solamente "Sito" - utilizza i cookies per offrire i propri servizi semplici e efficienti agli Utenti durante la consultazione delle sue pagine.

L'informativa è valida solo per il suddetto Sito ed ai correlati suoi domini di secondo e terzo livello e non per eventuali altri siti consultabili tramite link.

Facendo uso di questo Sito si acconsente il nostro utilizzo di cookie in conformità con la presente Cookie Policy.

Se non si acconsente al nostro utilizzo di cookie, occorre impostare il proprio browser in modo appropriato oppure non usare il presente sito o gli eventuali domini di secondo e terzo livello corrispondenti. Se si decide di disabilitare i cookie che impieghiamo potrebbe essere influenzata l’esperienza dell’utente mentre naviga sul nostro Sito.